“Ticino, ora copia dalla Lombardia e apri qualcosa!

Lambrendedetto: "Aprite ristoranti e negozi in Ticino"

Il Ticino comincia a essere stufo delle restrizioni. Norman Gobbi oggi in un’intervista a Radio Ticino ha affermato che i Cantoni non sono stati consultati prima della conferenza stampa dell’altro giorno in cui Alain Berset ha annunciato che non ci saranno riaperture prima di marzo, e forse nemmeno nel terzo mese dell’anno.

L’Italia, invece, da qualche giorno è zona gialla e dunque la situazione si è capovolta, se qualche tempo fa erano gli italiani a provare a venire in Ticino per poter assaporare un po’ di libertà, adesso è il contrario. Ma serve il tampone per recarsi al di là del Confine e infatti le farmacie che hanno la possibilità di svolgere quello rapido hanno ammesso che la richiesta di test rapidi per poter andare in Italia è aumentata (attenzione: in quel caso, vanno pagati di tasca propria, “simulare” sintomi è inutile perché a quel punto si rischia di dover fare quarantena).

Anche lo youtuber Lambrenedetto XVI ha detto la sua, esasperato dalla situazione ticinese.

Ci ha contattato per dire la sua. “In Ticino è ancora chiuso tutto, in Lombardia almeno per pranzo i ristoranti sono aperti e anche i negozi. In Svizzera si parla di negozi chiusi, ristoranti chiusi… Ma quanto meno si apra a mezzogiorno, penso per esempio ai centri commercianti”.

“Che si scelga di aprire per qualche ora, un po’ come in Italia. In fondo Lombardia e Ticino sono attaccati, non si può distruggere un’economia per il Covid. Siamo stufi! Ticino, copia dall’Italia: apri qualcosa!”.

E voi cosa ne pensate?

Fatecelo sapere nei nostri canali social, Facebook e Instagram!

#lambrenedettoxvi #lasvizzera #vivereelavorareinsvizzera #coronavirus #ticino #lombardia #chiusure #ristoranti #negozi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: